logo

scritta

Social Accountability Systems

Sosteniamo le narrazioni sociali, la valutazione di risultati non economici, la qualità del sociale e tutti i sogni di chi si impegna dentro spazi di futuro per il mondo dei ragazzi.

Una norma per la progettazione sociale.

L'Ente Italiano di Normazione dedica una norma tecnica, UNI 11746, alla progettazione sociale. Una novità di poche settimane fa che nasce da un lavoro durato sei anni in collaborazione con il Forum Nazionale del Terzo Settore, PMI® Central Italy Chapter, Ministero del Lavoro/ANPAL e Associazione Italiana Progettisti Sociali-APIS.

Il Terzo settore in questi ultimi anni è stato oggetto di particolare attenzione normativa con la Riforma che lo ha interessato. Una Riforma che ha prodotto un Codice, quindi una vera normativa di settore, cercando di sanare quella frammentazione legislativa che ha creato negli anni non poche difficoltà applicative e interpretative. Una Riforma che ha anche messo in primo piano la necessità di trasparenza del settore, puntando su strumenti di pubblicità e informazione sull'utilizzo ad esempio dei fondi pubblici (rimborsi da convenzioni con enti pubblici, fondi da 5xmille, ...), ma anche su strumenti che mettano in luce l'impronta sociale delle organizzazioni sul territorio, come il bilancio sociale. 

La norma UNI11746 si inserisce in un ambito molto delicato e, al tempo stesso, di possibile e auspicabile innovazione: definisce i processi e le attività che caratterizzano la progettazione sociale, identifica le competenze richieste e i requisiti formativi e di apprendimento minimi per accedere alla professione del progettista sociale. Le conoscenze e le abilità richieste al progettista sociale riguardano aspetti sociali, economici e gestionali: dalle tecniche di reportistica sociale alla conoscenza della normativa di riferimento, dai metodi di lavoro di rete a elementi di diritto amministrativo, dalle metodologie di project management alle tecniche di pianificazione finanziaria, sono solo alcuni esempi.

La norma restituisce una specifica identità professionale che è stata spesso confusa e/o svrapposta ad altre professionalità; una professione, quella del progettista sociale, che troverà quindi piena e autonoma espressione.